fbpx
vue sur turin et le mont viso
Gen 14, 2020

Il Monviso, Re del Piemonte

Lassù, il Re di Pietra

Histoires Expatriées blogueuse italie

Anno nuovo, nuovi argomenti trattati nei “Rendez-vous Histoires Expatriées”. Questo appuntamento mensile dei bloggers francesi espatriati nel mondo è stato creato da Lucie, del blog Occhio di Lucie. Per iniziare l’anno, scriveremo sulla tematica “En-Haut”, ovvero, “lassù”. Un argomento del genere non poteva che ispirarci. In meno di 2 minuti di concertazione avevamo scelto di parlarvi del Re di Pietra. Considerata come il tetto del mondo dai romani (SPQR), la vetta culmina a 3841 metri. Visibile e riconoscibile da lontano, in particolare da Torino, vi presentiamo il Monviso.

Geografia e leggende


Iniziamo localizzando il Monviso, ci sembra essere un buon punto di partenza. Si trova in Italia e il suo versante ovest serve di confine naturale fra la Francia e l’Italia. Vertice nascendo dalle Alpi, questo Re di Pietra governa più particolarmente il Piemonte. Dal Monviso, 5 valli si disegnano: al Nord, il Val Pellice, versante Est, Valle Po, lato Sud, Valle Varaita, versante francese (Ovest) valle del Guil e Val Infernotto. Il Monviso è anche il sorgente del più lungo fiume dell’Italia, abbiamo nominato il Po. Ecco una mappa (più o meno precisa) designata da Laura per identificare la sua posizione.

carte du piémont avec les activités à faire en hiver
Opera d’arte di Laura

Da questo imponente vertice roccioso nascono ovviamente leggende… Fra queste, si dice che la sua forma piramidale avrebbe ispirato il logo della Paramount Channel. Ed è vero che ci possiamo vedere una certa somiglianza. Voi che ne dite?

Panorama mozzafiato


È una rocca!… È un picco!… Un capo affatto… Ma che! 

Cyrano de Bergerac

Dalla Valle Po, il Monviso è riconoscibile fra tutti e si afferma re delle montagne (e non delle foreste come Mon beau Sapin).

vue sur turin et le mont viso

Da Torino, basta salire qualche metro e girarsi verso il Sud-Ovest per ammirarlo. Coperto dal suo cappotto di neve o completamente nudo, è lì. Tranquillo e maestoso. Quanta allegria vederlo ogni mattina andando al lavoro (quando la famosa nebbia piemontese non lo nasconde). Dove salire a Torino per ammirare il paesaggio? Ecco a voi i 5 punti di vista.

Nel Piemonte, quando il cielo è pulito, lo vedrete. Là, sempre nel vostro orizzonte, come punto di fuga. L’apoteosi: passeggiare nelle Langhe con i vigneti contro il fondale delle Alpi, e, ovviamente, la gemma, il Re di Pietra.

Avventuratevi nella provincia di Cuneo. Li ancora, il Monviso domina il paesaggio. Non avremmo mai pensato che una vetta potesse regalare tutte queste emozioni. Vedere il Monviso ci calma, ci rassicura, ci rende semplicemente felici. Abituate alle pianure della Loira, abbiamo cambiato proprio di vita vivendo di fronte alle montagne. Basta poco per trovare un senso di libertà. Lassù, questo vertice roccioso sembra ballare con le stelle alla notte, abbracciare il cielo e le nuvole quando viene giorno. Infonde un piacevole brivido di libertà, un sogno di fuga. Ispirante, rilassante, ci ricorda quei film in cui c’è sempre un vecchio saggio eremita, in cima della vetta più alta che attende gli avventurieri in ricerca di senso.

vue sur le mont viso depuis Turin

Al tramonto, ci aspetta uno spettacolo straordinario, fuori da tutte le aspettative. Il sole invernale si tuffa dietro le Alpi. Una volta il sole sparito compaiono allora splendidi veli rossi e viola, ondeggiando sopra il Monviso. I contorni della vetta si svelano e ridisegnano ogni secondo con gli ultimi raggi del sole, giocando con le masse rocciose come delle ombre cinesi. Che siamo di fronte, versante Est a Torino, o al Sud-Est nella provincia di Cuneo, la vista sarà sempre stupenda. Impossibile staccare lo sguardo da questo spettacolo, anche se le nostre mani iniziano a congelarsi. Scattiamo senza tregua questa montagna, sapendo benissimo che non riusciremo mai a catturare questa bellezza così bene che con i nostri occhi. Delle sfumature sfuggevoli.

Ai piedi del Monviso


aux pieds du Mont Viso en Italie

Se da lontano ha questo fascino, aspettate di scoprirlo una volta ai suoi piedi. Salire fino a Pian del Re o Pian della Regina (anche i nomi sono suggestivi), sarete senza fiato. E’ qua, eretto davanti a voi. Sareste circondati da una catena di montagne. Se la neve si fa anche presente, sarà ancora più impressionante con questa atmosfera felpata creata dai fiocchi di neve. Se neve c’è, vuol anche dire che avrete un po fatto fatica a salire fin lì. Siate prudenti, gomme invernali e catene a bordo! E’ un obbligo!

Fermatevi lì per la pausa pranzo e mangiate uno dei piatti tipici delle montagne piemontesi al rifugio Pian della Regina o fatte una merenda bevendo una bella e meritata cioccolata calda. Godetevi questa pausa e sentite, per un momento, il potere mistico delle montagne.

Dessin mont viso piemont
Opera d’arte di Laura

Ci sono piccoli piaceri nella vita che non saziano mai. Ammirare il Monviso ne fa parte. Prima di venire vivere in questa regione circondata dalle montagne, non avremmo mai messo una vetta in cima alla lista dei piccoli piaceri. Adesso, non la toglieremo per niente dalla nostra vita. Cerchiamo sempre il Monviso dallo sguardo, è un po la nostra stella polare. Altre vette culminano nel Piemonte, come il Monte Rosa, il Monte Argentera, Rocciamelone (e prosciutto crudo). Se passate dal Piemonte, fermatevi un istante, alzate lo sguardo e godetevi quel momento.

Ciccia&Cerva - Autore

Potrebbe piacerti anche

Comments ( 2 )

  • Morena

    Bello avere questi riferimenti paesaggistici nel nostro quotidiano. Noi qui sul Lago Maggiore abbiamo il Monte Rosa come sfondo montano 🙂

    • Ciccia&Cerva

      Il Monte Rosa, anche lui, stupendo! Che meraviglia poi la vista sul Lago Maggiore 🙂

Rispondi a Ciccia&Cerva Annulla risposta

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this