fbpx
Apr 15, 2019

Vivere in Italia, le nuove abitudini per i francesi !

Quando ci si vive all’estero, è inevitabile, si prendono delle nuove abitudini e su alcuni aspetti ci mettiamo a fare “come gli italiani”. Oggi, vi parliamo delle nostre manie che abbiamo adottato da quando viviamo in Italia !

Il cibo !

panem et circenses, ma soprattutto panem!

O pane mio, dove sei ?

Da vere francesi, quello che ci manca di più è mangiare il nostro pane e soprattutto la baguette. In realtà, da quando viviamo in Italia, abbiamo semplicemente tolto il pane delle nostre abitudini alimenti. In effetti, non potendo più spalmare il burro salato, il pâté, la mousse de foie o ancora le rillettes, non ne vale più la pena. Allora la gente ci dirà, “ma è buono per la dieta togliere il pane”… Si, ma in Italia, abbiamo preso altre abitudini alimentari e non da meno, perché qui si mangia molto più carboidrati, pasta, pizza, e torte salate. Il nostro fegato ha dovuto fare un bel lavorone per abituarsi

Le nostre abitudini in termini di consumazione di vini o formaggi sono anche cambiati… No, non abbiamo smesso ma oramai, consumiamo piemontese! Barbera, Erbaluce e tome di montagna

L’aperitivo è sacro!

Un’altra cosa che cambia, è l’aperitivo nei bar, ci abituiamo ad avere automaticamente delle piccole cosa da sgranocchiare (pizza, focaccia, olive…) quando ordiniamo da bere. Questo cambia parecchio dalle nostre tre noccioline in Francia e quello è quando siamo fortunate.

Caffè italiano

Per cominciare la giornata o finire un pasto, cosa c’è meglio di caffè? Ormai è in versione miniature che lo beviamo e al banco ! Un chupito invece di un long drink… Uno shock all’inizio !

Gesti particolari

Quando ci si esprime in italiano, non sapremmo bene spiegarvi come mai ma ci si mette subito a gesticolare! Le nostre mani si mettono a girare e rigirare, come se rafforzasse il concetto. Una spiegazione non si fa più senza un gesto. Una strana coreografia vista dall’esterno. Una miscela tra un direttore d’orchestra e un mimo.
Tra l’altro, parlando di gestualità, stringere la mano a tutti la prima volta che gli incontriamo è quasi diventato una routine. Ormai, lo facciamo anche con i francesi, momenti imbarazzanti.

In maniera generale, siamo diventate un po più tattili con la gente… E si partiva da lontano con Amélie. Siamo ancora molto indietro rispetto agli italiani ma ci avviciniamo man mano. E l’accettiamo sempre di più (ma non toccarci troppo però!).

E ovviamente, abbiamo preso la bellissima abitudine di dare del “tu” a tutti. Eh si, gli italiani sono cosi, non ti danno i baci se non ti conoscono ma ti danno del tu !

Circolare, non c’è niente da vedere

La guida in Italia…

E un fatto, guidiamo in una maniera molto più “sportiva” (diranno i torinesi) e sempre la mano avvitata sul klaxon. La longevità del klaxon è ridotta in Italia ne siamo sicure! Non ci fermiamo più al semaforo giallo, anzi, acceleriamo (ecco, l’abbiamo detto!). Se avete letto i nostri articoli sulla guida degli italiani, non siete stupiti. L’articolo si può leggere qui, però per ora, è disponibile solo in francese : Fast and Furious

Dobbiamo essere oneste, se dovessimo ripassare l’esame della patente in Francia con le nostre nuove abitudini italiane, non solo non ce lo darebbero ma in più chiamerebbero la polizia per rinchiuderci !

Ciccia&Cerva alla guida in Italia

Nuovo paese, nuovi tempi

Una volta, una di noi, non diremo la quale, aveva l’abitudine di arrivare sempre in anticipo agli appuntamenti. (L’altra era già quasi italiana su questo aspetto). Che siano professionali o semplicemente per andare al bar con amici. Ormai, non arriva più con 15 minuti di anticipo ma le capita anche di arrivare con un leggero ritardo agli aperitivi ! E lo vive pure bene ! Anche se a Torino, la gente è piuttosto puntuale, abbiamo dovuto abituarsi a prendere la vita alla “ma si, tranquilla !”

Ovviamente, ci sono ancora tantissime abitudine francesi che teniamo #finoallafine (e non tifiamo la Juve)… La prima essendo criticare e indignarsi!

Anche voi, condividete con noi le vostre esperienze all’estero e le abitudini che avete preso !

Ciccia&Cerva - Autore

Potrebbe piacerti anche

Comments ( 11 )

  • francesca

    Io vi consiglio di riprendere a mangiare il pane, in Italia ce ne sono di mille tipi e tutti buonissimi, altro che baguette! Toscano, pugliese, doppia lievitazione, al latte, all’olio, al mais ecc… Fatevi coraggio 😉

    • Ciccia&Cerva

      In effetti, in alcune regione ci piace molto il pane tipo in Sicilia o Sud Italia 🙂 In Piemonte purtroppo facciamo davvero fatica.
      In realtà, con tutta la pasta che mangiamo, va anche bene fare la dieta senza pane ahah

      • cécile

        Vi consiglio la panetteria Bertino a San Salvario ! fanno un pane alle noci e frutta secca il sabato da leccarsi i baffi se tostato… è uno dei forni Kosher più antichi d’europa… per quanto riguarda la baguette lo scoperta al mercato centrale ! Et SUPER bonne en plus !!!
        a presto,
        cécile

        • Ciccia&Cerva

          Grazie mille per i consigli, proveremo la panetteria Bertino allora 🙂 Abbiamo assaggiato la baguette al mercato centrale e in effetti, non è cosi male!

  • silvia terracciano

    questo blog mi piace molto ho scoperto in questo articolo delle cose davvero molto interessanti, io amo molto la francia, ma purtroppo il contatto coi francesi per me non è stato dei migliori, ho sentito molto disprezzare la nostra cultura e tradizione da loro e quesot mi ha indispettita molto

    • Ciccia&Cerva

      Ciao ! grazie mille per il tuo commento 🙂 Ci fa piacere leggere che ami la Francia! Invece, per quest’aspetto del disprezzare una cultura e tradizioni non è per forza comune ai francesi ma soprattutto comune a chi non conosce l’altro e non cerca di conoscere… Perché da quando viviamo in Italia, ti assicuriamo che anche noi sentiamo di tutto sui francesi e spesso attachi agressivi sulle nostre abitudini, sulla cucina e tanti altri. A volte, sul filo con il razzismo puro, purtroppo. Finché la gente starà chiusa, sia in Francia che in altri paesi, ci saranno sempre persone che disprezzerano la cultura dell’altro.

    • Ciccia&Cerva

      Grazie! Abbiamo scoperto che ci piace sempre di più questo aspetto antropologico dell’espatrio

  • ANTONELLA MAIOCCHI

    molto divertente il vostro blog che ho appena conosciuto. Voi siete simpatiche e autoironiche e mi piacete molto. Mi ha fatto sorridere la lista di “italianità” che avete adottato, in particolare quella di stuzzicare durante l’aperitivo. E’ vero, in Francia, non ti danno mai niente da mangiare se non due noccioline stantie…..

  • MARTINA BRESSAN

    In effetti le baguette francesi non le batte nessuno… anch’io amo da morire spalmare il burro salato che portano al tavolo nei ristoranti francesi, in una bella fetta di baguette! E il profumo di certe boulangerie.. ? poi c’è un’altra cosa che amo della Francia e che il pan au chocolat.. qui non si trova!

  • Silvia The Food Traveler

    Innanzitutto complimenti per il blog che ho scoperto proprio ieri grazie al gruppo delle Travel Blogger Italiane!
    Da italiana – e piemontese – mi sono molto divertita a leggere questo articolo. Vi capisco benissimo in particolare per quanto riguarda il caffè: è sempre uno shock per chi non è abituato al nostro espresso cortissimo 😉
    L’aperitivo trovo che sia una cosa molto italiana e molto bella: prima di cena, cosa c’è di meglio di un bicchiere di vino e di qualcosa da stuzzicare?
    Invece mi sa che io sono forse più “francese” e meno italiana dal punto di vista del contatto perché non sopporto quelli che toccano quando parlano 😂

Commenta l'articolo

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this